Wikia

WoWWiki Italia

World of Warcraft

Discussione0
292pagine in
questa wiki

World of Warcraft (letteralmente "il mondo di Warcraft", abbreviato piuttosto frequentemente in WoW) è un videogioco fantasy di tipo MMORPG, giocabile esclusivamente in Internet e dietro pagamento di un canone. È sviluppato dalla Blizzard Entertainment e pubblicato nel 2004.

Il gioco ha una grafica tridimensionale che consente al giocatore di immergersi nell'universo di Warcraft, ambientazione di tre precedenti videogiochi Blizzard (a differenza di World of Warcraft, i precedenti titoli erano giochi strategici in tempo reale).

Al momento i server di gioco sono disponibili in inglese, francese, tedesco e spagnolo. Nell'articolo è riportata tra parentesi la versione inglese dei nomi propri.

World of Warcraft è il MMORPG più giocato al mondo, con oltre otto milioni di iscrizioni attive [1] (dato del gennaio 2007).

AmbientazioneModifica

Il mondo virtuale è costituito da due continenti, separati da un vasto tratto di mare, popolati da "razze" diverse divise in due fazioni, "Orda" (Horde) e "Alleanza" (Alliance), perennemente in guerra. Ogni razza ha una lingua specifica, ma può parlare anche nella lingua della propria fazione. Recentemente, a seguito dell'uscita della prima espansione, The Burning Crusade, è disponibile un continente completamente nuovo, chiamato Outland, accessibile solo ai possessori dell'espansione.

Normalmente la comunicazione verbale tra le due fazioni, per motivi di diversità di linguaggi, non sarebbe possibile. E' però possibile comunicare semplici emozioni utilizzando gli emote, dai saluti ai gestacci, alle provocazioni, oppure scrivere ciò che si vuole dire con le lettere tutte separate tra loro. In questo caso il motore di traduzione per la lingua dei personaggi non funziona e il nemico capisce cosa state dicendo.

TerritoriModifica

I continenti che costituiscono l'ambientazione del gioco sono molto estesi e richiedono diverse decine di ore di gioco anche solo per visitarli estensivamente. Il mondo di Warcraft comprende deserti, boschi, foreste, paludi, giungle, montagne innevate e valli, praterie, laghi, fiumi, caverne, isole, grandi città e via dicendo. Il giocatore può spostarsi liberamente a piedi (o a nuoto), oppure usando una varietà di mezzi di locomozione, inclusi dirigibili, velieri, tram e molti tipi di cavalcature (cavalli, grandi lupi, "raptor", grifoni, ippogrifi, pipistrelli giganti, viverne).

Ogni razza ha una capitale e degli avamposti con un'architettura specifica. Ogni razza ha due capi, quello militare e politico (il Re), e una guida religiosa (un prete o un druido nel caso dei tauren). I capi risiedono nella propria capitale. Nel gioco sono presenti luoghi e riferimenti noti a chi ha giocato Warcraft III, come ad esempio targhe commemorative o personaggi già incontrati nel titolo precedente.

AlleanzaModifica

  • gli umani, presenti sin dal primo titolo della serie, hanno per capitale Stormwind.
  • gli elfi della notte (Night Elves), difensori del continente di Kalimdor e di Azeroth in generale. Vivono su un'isola-albero dove si trova anche la loro capitale (Darnassus).
  • gli gnomi, la cui società si basa su improbabili invenzioni meccaniche. Un tempo vivevano nella tecnocittà sotterranea di Gnomeregan, che tuttavia venne attaccata dai Troggs e bombardata di radiazioni tossiche dagli stessi Gnomi in un estremo tentativo di respingerne l'invasione. In seguito vennero ospitati dai loro cugini Nani, e assieme ad essi oggi soggiornano nella città di Ironforge, sperando di impossessarsi di nuovo della loro bella città perduta.
  • i nani, minatori che abitano nei recessi delle montagne. Hanno per capitale Ironforge, un'enorme fornace e città costruita nella montagna. Prima rimanevano chiusi nei loro buchi ma poi si sono avventurati fuori quando hanno scoperto di avere origini.
  • i Draenei, aggiunti nella prima espansione.
  • Gli worgen, aggiunti nella terza espansione.

OrdaModifica

  • gli orchi non più sotto il controllo dei demoni.
  • i tauren, umanoidi simili a mucche antropomorfe - o più propriamente minotauri -, la cui architettura e cultura ricorda quella dei nativi americani
  • i Forsaken non-morti (simili a zombie) liberati dal dominio del re Lich, hanno una alleanza molto tesa con l'Orda a causa del fatto che gli altri non si fidano. Per questo i Forsaken cominciano con la reputazione neutrale con le altre città dell'Orda, come le altre specie cominciano con la reputazione neutrale verso la capitale dei Forsaken, l'Undercity.
  • i troll, con caratteristiche haitiane (es. il Voodoo)
  • gli Elfi del sangue, misto fra elfi della notte e umani, aggiunti nella prima espansione.

Struttura del giocoModifica

Le dinamiche di gioco di World of Warcraft riprendono quelle tradizionali degli RPG come la serie Elder Scrolls. Il giocatore agisce nel mondo virtuale per mezzo di un personaggio (o avatar), interagendo con personaggi controllati dal computer (NPC), svolgendo una serie di compiti (o quest) che gli vengono via via assegnati. Procedendo di missione in missione, progredisce nelle proprie capacità di combattimento e acquisisce nuovi oggetti che può utilizzare direttamente o commerciare con NPC o altri giocatori. Parallelamente, può acquisire capacità secondarie (per esempio imparare a creare pozioni magiche con le erbe, a forgiare armi e armature, a pescare, a cucinare e via dicendo). Rispetto ai tradizionali MMORPG, in cui i giocatori sono costretti a molte ore di azioni ripetitive per progredire, in World of Warcraft il ritmo di gioco è molto più veloce, e le "perdite di tempo" (time sinks) tipiche di questo genere sono ridotte al minimo.

I personaggiModifica

Il personaggio ottiene dei punti, denominati comunemente XP (eXperience Points) ad ogni avventura (denominata comunemente quest) completata o con la semplice uccisione delle creature nemiche in cui si imbatte. Scopo del personaggio è aumentare il proprio livello e la qualità del proprio equipaggiamento, al fine di confrontarsi in sfide sempre più difficili. Il livello massimo consentito attualmente da questa piattaforma di gioco è il 60. Con l'avvento dell'espansione, World of Warcraft: The Burning Crusade, il livello massimo è stato portato a 70.

Ogni personaggio è caratterizzato da:

  • statistiche, simili a quelle dei giochi di ruolo, come forza e agilità
  • abilità, come nascondersi o utilizzare particolari armi
  • talenti, che migliorano le abilità possedute
  • magie o mosse speciali
  • una classe

ClassiModifica

Ogni classe ha abilità differenti, un diverso stile di gioco e la possibilità di utilizzare o meno alcuni tipi di equipaggiamento, come ad esempio cotte di maglia, stoffa, cuoio, corazza a piastre o spade, mazze, bastoni, pugnali, armi da pugno, archi, fucili, coltelli da lancio, asce, asce a due mani, mazze a due mani, bacchette e spade a due mani.

Il giocatore può scegliere tra:

  • il cacciatore (hunter), rapresenta una classe unica in World of warcraft in quanto il suo ruolo principale è quello di attaccare da lontano. Sebbene altri classi possano apprendere ad utilizzare armi a lunga gittata, nessuna di esse raggiunge nel loro uso la letale precisione del Cacciatore. A supporto dei suoi attacchi da lontano, questa classe può contare su due alleati: un fedele animale da compagnia e un vasto assortimento degli incantesimi che limitano la libertà di movimento del nemico. Le razze che possono fare il Cacciatore sono: i nani, elfi della notte, elfi del sangue, tauren, orchi, troll, draenei.
  • il druido (druid), è una classe formidabile, una delle tre classi ibride (Paladin, Druid,Shaman) dotata di buone abilità di guarigione, potenti incantesimi offensivi ed eccellenti magie di potenziamento. Il druido inoltre dispone dell'abilità unica di assumere sembianze animali ("shapeshift"). Nella sua forma animale il druido può adottare altri ruoli, trasformandosi ad esempio in guerriero con forma di orso o assassino con forma di gatto. Questa particolarità lo rende estremamente versatile. Le razze che possono essere druido sono: gli elfi della notte ed i tauren.
  • il guerriero (warrior), Tra le classi disponibili in World of Warcraft, quella del guerriero è la più resistente agli attacchi fisici. I guerrieri hanno più salute di tutte le altre classi, possono usare le armi migliori e indossare le armature più pesanti, e sono in grado di infliggere ingenti danni al nemico. La loro specialità è il combattimento in mischia, possono anche usare armi a distanza, anche se non in maniera efficace come i cacciatori. Tutte le razze possono essere un guerriero, eccetto i Blood Elves.
  • l'assassino (rogue), Quella dell'assassino è una delle classi più letali del gioco, in grado di infliggere una quantità enorme di danni in un breve periodo di tempo. Gli assassini sono i maestri del corpo a corpo con due armi. I più abili tra gli assassini riescono ad aggirare il nemico e a colpirlo alle spalle con un rapida sequenza di attacchi omicidi. Tuttavia, benché siano rapidi nel colpire, gli assassini non sono molto resistenti e, in mancanza di livelli elevati di armatura e salute, devono contare principalmente su velocità e furtività per proteggersi. In tutte le razze, eccetto i Tauren e i Draenei, possono esserci degli assassini.
  • il mago (mage) domina potenti energie mistiche ed è in grado di usare la magia nelle sue forme più spettacolari e distruttive. Benché siano fragili, dotati di poca salute e scarsa attitudine al combattimento, i maghi compensano la debolezza fisica con un potere magico immenso. Combattendo dalla distanza, i maghi sono in grado di infliggere il maggior numero di danni nel più breve tempo. Le razze che possono fare il mago sono: gli umani, gli gnomi, i troll, i non morti, i draenei ed i blood elves.
  • il sacerdote (priest), è un esperto di magia con un ampio bagaglio di incantesimi di guarigione, di eccellenti magie di potenziamento, di buoni incantesimi difensivi in grado di proteggere gli alleati da danni fisici e magici e di "shadow spells"(incantesimi "dell'ombra") di natura puramente offensiva. Come tutte le classi orientate all'esercizio esclusivo della magia(i cosidetti "spellcaster"), il sacerdote è però estremamente fragile, ha poca salute e una potenza di attacco in mischia molto bassa. In compenso, può evocare uno scudo che lo protegge da una certa quantità di danni. Le razze che possono essere sacerdote sono: i nani, gli umani, gli elfi della notte, i draenei, i troll, i non morti e gli elfi del sangue.
  • il paladino (paladin), un guerriero votato al bene, dotato di poteri sacri, usa armature pesanti, molto resistente e può rendersi immune per qualche istante a tutti gli attacchi. È una delle tre classi ibride del gioco (Paladin, Druid,Shaman), è può essere molto efficace sia in attacco che in difesa. Inoltre è una delle quattro classi che possiedono magie curative. Solitamente, il paladino viene usato come curatore. Le razze che possono scegliere i paladini sono: umani, nani, draenei e elfi del sangue.
  • lo sciamano (shaman), legato agli elementi della natura che utilizza attraverso molti totem che può far apparire a comando. È una delle tre classi ibride del gioco (Paladin, Druid,Shaman), può causare molti danni ma possiede addirittura magie curative. Le razze che possono impersonare gli sciamani sono: tauren, troll, orchi e draenei.
  • lo stregone (warlock), dedito a pratiche demoniache ed alla magia oscura, la sua abilità principale consiste nelle curse (maledizioni), magie istantanee che infettano il nemico, danneggiandolo di vari punti ferita al secondo. Il warlock inoltre possiede, come l'hunter, la possibilità di essere accompagnato da un pet (nel suo caso 4 demoni più uno ottenibile tramite i Talenti) che lo aiutano nel combattimento con varie abilità.

Lo sciamano era giocabile solo dall'Orda prima di World of Warcraft: The Burning Crusade, mentre il paladino era giocabile solo dall'Alleanza sempre prima dell'espansione; questo però cambia in espansione dove per l'Alleanza la nuova razza dei Draenei può scegliere la classe Shaman, mentre nell'Orda sono gli Elfi del Sangue a poter essere Paladini. A causa della storia e dell'ambientazione, alcune razze non possono scegliere determinate classi: ad esempio i Tauren non possono essere stregoni, visto il loro profondo legame con la natura.

ProfessioniModifica

Il gioco ha anche un'economia interna, a cui i giocatori possono partecipare sviluppando delle professioni, tramite la compravendita diretta tra giocatori oppure tramite la messa all'asta dei vari oggetti raccolti o prodotti nella case d'asta reperibili nelle più grandi città del gioco. Le professioni principali disponibili sono:

  • l'alchimista (alchemist), crea pozioni con erbe e varie componenti e trasforma gli elementi;
  • l'erborista, (herbalist) per la raccolta delle erbe sparse nel mondo;
  • il fabbro (blacksmith), che può specializzarsi nella costruzione di armi o di armature;
  • l'incantatore (enchanter), incanta permanentemente l'equipaggiamento per garantire abilità migliorative;
  • il minatore, (miner) per estrarre minerali utili ad altre professioni;
  • lo scuoiatore (skinner), per ricavare pelli dagli animali uccisi;
  • il conciatore (leatherworker), che da pelli e altri componenti crea armature di cuoio;
  • il sarto (tailor), crea vestiti per maghi, preti e stregoni, ed è l'unico in grado di creare sacche e borse;
  • l'ingegnere (engineer), crea differenti oggetti quali bombe, armi, armature e tanti altri svariati marchingegni in base alla specializzazione (goblin o gnomish);
  • il gioielliere (jewelcrafter), crea gioielli (anelli, collane, amuleti) e gemme che possono essere incastonate in particolari armature per potenziarle. Questa professione è stata introdotta con l'arrivo dell'espansione.

Ogni personaggio può avere un massimo di due professioni. Oltre a queste due tutti i giocatori possono essere pescatori, guaritori e cuochi.

Instances & BattlegroundsModifica

Come in tutti i giochi di ruolo, nel mondo virtuale sono presenti alcune zone particolari dette dungeon (sotterranei) particolarmente difficili da affrontare. Come in altri MMORPG anche in World of Warcraft alcuni dungeon sono istanziati, in modo tale che gruppi diversi di giocatori non interferiscano tra loro.

Il termine specifico per questi dungeon è Istanza/e.

In queste zone si trovano spesso i nemici più difficili da sconfiggere, ad esempio maghi molto potenti o draghi.

Esistono anche alcune zone del gioco chiamate Campi di battaglia (Battleground) in cui due gruppi, (uno per fazione) si scontrano per un obiettivo, Al momento ci sono 4 campi di battaglia:

  • Warsong Gulch (WSG), che prevede l'obiettivo di catturare la bandiera avversaria e portarla alla propria. Prevede un massimo di 10vs10 giocatori.
  • Arathi Basin (AB), lo scopo è la conquista e mantenimento di più basi dell'avversario, ci sono 5 basi che una volta conquistate e mantenute forniscono risorse. Il campo di battaglia si vince quando una delle 2 fazioni raggiunge le 2000 risorse. Il limite di giocatori è di 15 per fazione.
    • le basi: miniera, fabbro, falegnameria, stalle, fattoria.
  • Alterac Valley (AV), death match strategico, dove bisogna uccidere il comandante nemico. Questo è il più grosso, infatti prevede il gioco di massimo di 40vs40 giocatori.
  • Eye of The Storm (ETM o EOTS), Eye of the Storm è il nuovo Battleground disponibile dall’uscita dell’espansione, The Burning Crusade. Situato nelle Outland, il Bg è un incrocio tra Arathi Basin e il Warsong Gulch, il cui scopo è riuscire a raccogliere duemila punti prima che riesca a farlo lo schieramento opposto.

I modi per ottenere punti sono due : - Controllare le Torri : Ci sono 4 torri all’interno del BG ( Mage Tower - Dranei Ruins - Fel Rever Ruins - Blood Elf Tower ). Come in Arathi Basin, più torri vengono controllate simultaneamente, più il punteggio cresce rapidamente. - Cattuare la Bandiera : Posta al centro del BG, una volta che uno schieramento la raccoglie deve raggiungere una delle torri da questo controllate per aggiungere del punteggio una tantum al proprio score. L’azione è ripetibile. A differenza dei precedenti a BG, Eye of The Storm non ha una fazione di riferimento e nessuna reward legata al noto sistema delle reputazioni

SocialitàModifica

Il giocatore di World of Warcraft interagisce tramite il suo personaggio con altri giocatori che sono presenti in quello stesso momento collegati sul server. L'interazione può essere pacifica ed amichevole (collaborazione nelle quest creando gruppi, commercio di oggetti e materiali, scambio di informazioni) o antagonistica (duelli, prese in giro o vere e proprie battaglie all'ultimo sangue). Vengono spesso organizzati "raid" di giocatori di una certa fazione che, dopo essersi radunati in massa, invadono una zona di pertinenza dei giocatori della fazione opposta portando distruzione e morte. Ciò accade molto raramente nei server PvE e RP.

I giocatori possono associarsi in "gilde": gruppi di persone che intensificano la reciproca conoscenza ed amano ritrovarsi insieme per condividere l'esperienza di gioco. I giocatori di una stessa gilda possono essere identificati da un "tabard" (sorta di panciotto con un simbolo di riconoscimento di gruppo) e dal nome della gilda.

ReamiModifica

World of Warcraft utilizza diversi server chiamati reami. I reami hanno caratteristiche diverse per far si che il giocatore possa scegliere lo stile di gioco che più gli si addice. Ogni utente può avere fino a 10 personaggi su ogni reame (server), fino ad un massimo di 50 personaggi per ogni account di gioco.

Ci sono quattro tipi di reami:

  • Normale (normale, abbreviato con PVE che sta per player versus environment)
  • PVP (player versus player)
  • RP (Role Playing)
  • RPPvP (roleplaying e player versus player insieme)

Nella schermata di login del gioco vengono visualizzati lo stato dei vari server ed eventuali messaggi da parte della Blizzard (ad esempio quando sono in corso manutenzioni o aggiornamenti).

Normale (PvE)Modifica

Nei reami "Normal" se si incontra un giocatore della fazione avversaria si può stare tranquilli: a meno che non abbiamo appositamente attivato la flag PvP non ci potrà attaccare e anzi potremmo percorrere insieme una parte della strada della nostra avventura.

La flag PvP si può attivare in ogni momento e dappertutto, digitando nel prompt dei comandi /pvp o semplicemente attaccando un giocatore delle fazione avversaria avente la flag attivata, entrando in una capitale nemica o lanciando una magia di potenziamento/cura su di un personaggio in gruppo con un personaggio con la flag PvP attiva. Nei battlegrounds, nelle arene e nelle capitali nemiche la flag PvP si attiva automaticamente. La flag sparisce dal momento che il giocatore non compie combattimenti in PvP per almeno 5 minuti.

Player versus Player (PvP)Modifica

Giocatori delle due fazioni armati gli uni contro gli altri. Nei reami PVP la flag PvP viene attivata appena il giocatore lascia una zona amica (indicata dal colore verde della scritta del nome della zona). Tutte le zone specifiche e proprie di una fazione, come ad esempio le principali città e le zone per i primi livelli (da 1 a 20), sono amichevoli.

Altre zone invece sono contese e vengono indicate con il colore giallo nella scritta del nome.

Le zone che per la fazione opposta a quella del giocatore sono segnalate in verde vengono a lui mostrate in rosso (ad esempio ad un umano che si reca ai cancelli di Orgrimmar). In questo caso solo questo personaggio verrà flaggato con il PvP. I giocatori nemici potranno scegliere se ingaggiare combattimento (e verranno a loro volta flaggati con il PvP) o semplicemente ignorare la sua presenza.

I giocatori con la flag PvP possono liberamente attaccare i giocatori dell'opposta fazione ugualmente flaggati senza nessun intervento da parte degli amministratori e dei master del gioco.

I giocatori dei reami PvP possono creare sul reame scelto personaggi esclusivamente di una delle due fazioni opposte (ad es. solo personaggio dell'Orda), mentre nei reami Normali (PvE) si possono creare nello stesso reame personaggi di entrambe le fazioni.

Roleplaying (RP)Modifica

I reami RP hanno le stesse caratteristiche dei reami PvE, con l'eccezione che il giocatore deve calarsi in toto nel personaggio, parlando e comportandosi in maniera coerente con il background del suo personaggio e con l'ambientazione in cui si muove.

Roleplaying Player versus Player (RPPvP)Modifica

I reami RPPvP funzionano come i reami PvP ma anche qui vigono le strette regole del roleplaying quindi il giocatore è maggiormente controllato dagli amministratori perché si comporti, parli e si muova con coerenza e nel rispetto del suo ruolo e delle sue caratteristiche.

World of Warcraft: The Burning CrusadeModifica

Come per altri giochi dello stesso genere, gli sviluppatori hanno deciso di rilasciare un'espansione, World of Warcraft: The Burning Crusade, che funziona come World of Warcraft ma aggiunge un nuovo continente, l'Outland. Aggiunge anche una nuova razza giocabile per l'Orda, i Blood Elves (gli Alti Elfi delle versioni strategiche in tempo reale precedenti), e una nuova razza giocabile per l'Alleanza, i Draenei. Sono disponibili delle cavalcature volanti (tra cui i nether drake - letteralmente "draghi eterei"), e una nuova professione, il jewelcrafting (fabbricazione di gioielli). C'è anche stato un innalzamento del livello massimo da 60 a 70. Una volta raggiunto il livello massimo è possibile acquistare le cavalcature volanti (flying mounts) per poter raggiungere luoghi altrimenti inaccessibili.

Nuove razzeModifica

The Burning Crusade, aggiunge due razze già conosciute dagli amanti della serie precedente a World of Warcraft, ovvero, i Draenei e i Blood Elves. Con le nuove razze, il giocatore ha finalmente la possibilità di comandare classi prima inaccessibili: l'Orda ha finalmente accesso alla classe del Paladino grazie ai Blood Elves, mentre l'Alleanza, ha accesso alla classe dello sciamano grazie alla razza dei Draenei.

Blood Elves o Sin'Dorei (Elfi del Sangue)Modifica

Esiliati dalla loro città natale, gli Elfi fondarono un nuovo regno nelle terre di Lordaeron, Quel'Thalas. Attraverso una fiala contentente l'acqua del Pozzo dell'Eternità, crearono una risorsa magica che chiamarono "Pozzo Solare", con la quale costruirono la magica città di Silvermoon. Dopo vari attacchi da parte di popoli "Trolleschi" , gli elfi vennero trucidati dall'esercito del cavaliere della morte Arthas, che desiderava il potere del pozzo. I pochi sopravvissuti vennero arruolati dal principe Kael'thas, prendendo il soprannome di Elfi del Sangue. Kael'thas odiava la razza umana, il che lo costrinse ad allearsi con l'ex cacciatore di demoni, Illidian; con la promessa di un futuro senza sete di magia, gli Elfi seguirono Illidian all'interno dell'Outland (terre esterne). In seguito, Kael inviò Rommath come suo ambasciatore in Azeroth, con il compito di riunire gli elfi dispersi e di ricostruire la perduta Silvermoon.

I DraeneiModifica

I Draenei sono una razza in esilio dalle loro terre. Braccati dai nuovi capi della Legione Ardente seguono un Naaru benevolo che li ha salvati dalla trasformazione in demoni. I capi della Legione hanno diffuso un morbo negli orchi di una delle terre in cui vivevano i draenei, fino a quel momento pacificamente con la razza Ordosa. Così gli orchi hanno decimato i draenei che sono stati costretti a fuggire tramite il Portale Oscuro nelle terre di Azeroth ed hanno costruito una città nei resti di un cristallo, The Exodar. Intagliatori di gemme sono alla ricerca dei loro simili nelle Terre Esterne, e hanno deciso di perorare la causa dell'Alleanza per vendicarsi degli orchi e difendersi dalle ondate di Elfi del Sangue dei quali devono subire le angherie.

RiconoscimentiModifica

  • Game of the Year (Gioco dell'Anno) - GameSpot
  • PC Game of the Year (Gioco dell'anno per PC) - Gamespy
  • Gioco del Mese - Voto 9 - GMC

Note Modifica

Shard italiano ispirato all'universo di warcraft

  1. La popolazione di World of Warcraft supera quella dell'Irlanda

CuriositàModifica

Nel gioco sono presenti numerosissime frasi scherzose che possono comparire nella schermata di caricamento nella finestra delle chat. Se ne trova una anche nella schermata dei crediti dove al termine dell'elencazione compare la frase "nessun pixel è stato maltrattato durante la creazione di questo gioco".

Smallwikipedialogo.png Questa pagina utilizza contenuti di Wikipedia. L'articolo originale si può trovare all'URL World of Warcraft. La lista degli autori si può vedere nella cronologia della pagina. Proprio come WoWWiki Italia, i testi di Wikipedia sono disponibile sotto la CC-BY-SA

Nella rete di Wikia

Wiki a caso