Fandom

WoWWiki Italia

Re dei Lich

390pagine in
this wiki
Crea nuova pagina
Discussione0 Condividi

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Arthas-Lich-King.jpg

Arthas Menethil, Re dei Lich

Il Re dei Lich è un'entità demoniaca con immense capacità telepatiche unite a conoscenze da necromante che gli permettono di evocare e controllare un numero infinito di creature non-morte e di impiegarle in guerra come un esercito.

Venne creato da Kil'jaeden in persona per punire per i suoi fallimenti e per il suo tradimento lo stregone orco Ner'zhul e posto a capo dei Lich ed è il principale responsabile del Flagello.

Il Re dei Lich è stato creato con lo scopo di conquistare Azeroth per conto della Legione Infuocata.

Il Re dei Lich è l'antagonista dell'espansione: [of Warcraft: Wrath of the Lich King]

BiografiaModifica

Nascita del Re dei LichModifica

Quando Ner'Zhul tentò di scappare da Drenor, fu raggiunto da Kil'jaden, che distrusse il suo corpo, ma lasciò la sua anima in vita, intrappolandola in un blocco di ghiaccio, nel Twisting Nether. Kil'jaden gli diede poteri immensi, compresi poteri negromantici: così nacque il Re dei Lich.

Formazione del FlagelloModifica

Il Re dei Lich fu mandato su Azeroth, precisamente in una regione chiamata Northrend, dove il ghiaccio che intrappolava Ner'zhul cambiò forma, trasformandosi nel Frozen Throne. Il potere del Re dei Lich trasformò ogni forma di vita nei paraggi in servitori non morti, e sfruttò questi ultimi per conquistare gran parte delle Northrend. Durante l'avanzata dell'armata del Flagello, ogni guerriero caduto per mano del Flagello veniva resuscitato per mano del Re dei Lich, che piegando la sua volontà, si univa all'esercito del Flagello, accrescendo in maniera esponenziale i poteri del Re dei Lich.

L'esercito del Re dei Lich entrò nell'antico regno di Azjol-Nerub, dove combattè per anni. Questo periodo venne chiamato "La guerra del Ragno".

Una volta conquistata gran parte delle northrend, il Re dei Lich usò la telepatia per contattare tutte quelle oscure figure che volevano allearsi con lui: uno tra questi fu il mago Kel'Thuzad, uno dei migliori maghi dei Kirin Tor.

Dopo mesi di pianificazione, il Flagello era pronto per invadere il resto di Azeroth. Del grano infetto fu rilasciato nella fiorente città di Lordareon, trasformando chi lo mangiava in non morti sotto il controllo del Re dei Lich. Il principe Arthas Menethil figlio di Re Terenas, re di Lordareon, intraprese una battaglia contro il Flagello. Durante gli scontri Arthas riuscì ad uccidere Kel'Thuzad. Dopo aver scoperto che il grano infetto è stato rilasciato anche nella città di Stratholme, Arthas decise di uccidere tutti gli abitanti di quella città prima che si trasformassero nei suoi mortali nemici, e sconfiggere Mal'Ganis, uno dei Dreadlord sotto il servizio della Legione infuocata.

La trappola per Mal'Ganis fallisce, e Arthas decide di inseguire il suo nemico nelle Northrend, dove incontra il suo amico Muradin Bronzebeard, che lo guidò alla ricerca di un'arma leggendaria che poteva sconfiggere il Flagello. Arrivato in una caverna, Arthas vide Frostmourne, una spada runica dai poteri immensi, ma che richiedeva un
Imgres.jpg

Arthas corrotto, dopo aver trovato Frostmourne

prezzo molto elevato: la spada si nutriva di anime. La prima anima di cui si nutrì Frostmourne fu proprio quella dell'amico Muradin, che morì per colpa di Arthas. Frostmourne consumò anche l'anima di Arthas stesso, conducendolo alla pazzia e trasformandolo nel primo Cavaliere della Morte del Re dei Lich.

In seguito Arthas riuscì ad uccidere Mal'Ganis, e tornò a Lordareon acclamato come un eroe. Ma Arthas, ormai corrotto da Frostmourne, uccise suo padre Terenas, e cominciò a diffondere il Flagello a Lordareon.


Prince Arthas Kills His Father Warcraft III Cinematic02:31

Prince Arthas Kills His Father Warcraft III Cinematic






Cult of the DamnedModifica

Con Arthas alla guida del Flagello, sempre più persone venivano trasformate in non morti. Arthas decise poi di portare il Flagello a nord, con lo scopo di assaltare Quel'Thalas e resuscitare Kel'Thuzad, con lo scopo di evocare Archimonde.

Archimonde venne evocato fuori le porte di Dalaran, e rimosse i poteri negromantici di Ner'zhul e prepararsi all'assalto della Legione Infuocata. Durante l'invasione della Legione ad Ashenvale, Illidan Stormrage fu liberato dalla sua prigione, dove era stato rinchiuso 10.000 anni prima. Arthas parla ad Illidan dei poteri del teschio di Gul'dan che, incapace di resistere a tale tentazione, va alla ricerca del cranio e lo trova, sviluppando pienamente tutti i suoi poteri demoniaci.

Legancy of the DamnedModifica

Dopo la sconfitta sul Monte Hyjal, Kil'jaden decise di uccidere Ner'zhul, poichè ormai era fuori controllo: per far ciò incontra Illidan, e gli promette in cambio poteri inimmaginabili e un posto tra i signori della Legione Infuocata. Illidan accetta, e capì che per distruggere il Trono Ghiacciato aveva bisogno di un potente artefatto: l'occhio di Sargeras. Illidan allora parte per le Broken Islands e, con l'aiuto dei Naga e la strega Lady Vashj riesce a trovare ciò che cercava.

Allora Illidan si recò alla cittadella ad Icecrown e distrusse con l'occhio di Sargeras non soltanto le barriere arcane del Re dei Lich, ma anche il tetto del mondo. In quel momento Malfurion, per salvare il mondo, blocca il fratello Illidan.


Guerra civile nelle PlaguelandsModifica

Ner'zhul, dopo aver spinto fuori dal trono ghiacciato la spada runica Frostmourne, con lo scopo di farla trovare ad Arthas, stava perdendo pian piano i poteri. La crepa formatasi dal trono ghiacciato era come una ferita aperta da cui perdeva energia, e per di più aveva sfidato apertamente la legione infuocata, perciò era in una situazione di grave pericolo. Nel tentativo di salvarsi, Ner'zhul richiama a sè il suo campione: Arthas Menethil.

Anche Arthas, come il Re dei Lich, stava lentamente perdendo i poteri, poichè provenivano dal trono ghiacciato.

Durante la perdita di potere del Re dei Lich, alcuni non morti si sono liberati dal controllo mentale e, guidati dalla Banshee Queen Sylvanas Windrunner, davano la caccia a coloro che li avevano controllati fino a poco tempo prima. Mentre Arthas si ritirava alle Northrend, Sylvanas si impadronì dei resti della città di Lordareon per fondare un nuovo regno: i Forsaken.

Arthas inizia una corsa disperata, poichè Illidan e i Naga puntavano dritto sul Trono di Ghiaccio con lo scopo di distruggere il Re dei Lich. Con l'aiuto dei Nerubian capitanati da Anub'arak, il re caduto, Arthas si fa strada tra le distese ghiacciate delle Northrend per raggiungere il Trono Ghiacciato.

Il Re dei Lich trionfanteModifica

Durante la folle corsa nel tentativo di ragiungere il Trono Ghiaciato, Arthas incontra Kel'thas Sunstrider, che lo sfida ad un duello. Kel'thas, con l'aiuto di Jaina, forgiò la spada runica Felo'meloron, con l'intento di tener testa alla spada Frostmourne. Durante la battaglia, tuttavia, Arthas riesce a mettere in fuga Kel'thas.

Una volta arrivato al Trono Ghiacciato, Arthas incontra Illidan ed ingaggiano un duello. L'esito del duello pare scontato agli occhi di Illidan: i suoi poteri demoniaci erano completi, ed Arthas invece stava lentamente perdendo i suoi. Durante il sanguinoso scontro, però, Illidan lascia il suo petto scoperto e Arthas, approfittandone, lo lacera, facendogli una grave ferita. Illidan scappò, rifugiandosi nelle Outland.

Arthas vs Illidan01:03

Arthas vs Illidan

Arthas dopo, lo scontro, salì le scale della torre che conduceva al trono ghiacciato. Durante la salita, Arthas rivide tutte le persone che abbandonò, ricordando le frasi che usualmente gli dicevano.

Una volta arrivato in cima, Arthas scaglia Frostmourne contro il Trono Ghiacciato, distruggendolo. L'elmo di Ner'zhul scivolo ai piedi di Arthas, e questo lo indossò. In quel momento Arthas e Ner'zhul si fusero, creando un unico essere, uno dei più potenti di tutta Azeroth: Il Re dei Lich.

Dopo ciò il Re dei Lich cadde in un sonno profondo, svegliandosi diversi anni dopo.


Arthas Becomes The Lich King Warcraft III Cinematic03:07

Arthas Becomes The Lich King Warcraft III Cinematic







Wrath of the Lich King Modifica

World of Warcraft Wrath of the Lich King Cinematic Trailer03:19

World of Warcraft Wrath of the Lich King Cinematic Trailer


Il risveglioModifica

Dopo molti anni, il Re dei Lich si risveglia e resuscita Sindragosa, la prima consorte di Malygos, e ingrossa il suo esercito di non morti, con l'intento di invadere tutta Azeroth.

Con il mondo nel completo chaos, cominciò la seconda guerra contro il Flagello. I capi dell'Orda e dell'Alleanza, Thrall e Varian wrynn, si allearono e decisero di pianificare un attacco per sconfiggere il Re dei Lich. Durante la pianificazione, Ogrimmar e Stormwind vennero pesantemente attaccate dall'esercito del Flagello.


L'attacco alla Light's Hope Chapel Modifica

Il Re dei Lich decide di attaccare la Light's Hope Chapel, con lo scopo di distruggere gli Argent Dawn. Nonostante negativi pronostici, gli Argent Dawn riescono a respingere l'esercito del Flagello, grazie anche all'aiuto di Tirion.


L'assalto al WrathgateModifica

Come risposta all'assalto del flagello, l'Orda e l'Alleanza si alleano e lanciano un assalto al Wrathgate. Bolvar Fordragon invita il Re dei Lich a scendere in campo, piuttosto di mandare i suoi servitori a combattere per lui. Dopo la provocazione, Arthas scende in campo rispondendo alle provocazioni ricevute. Putress, comandante dei non morti liberati dal controllo mentale di arthas, libera sull'esercito dei barili, contenenti il nuovo Flagello, che uccide sia membri dell'Orda, sia membri dell'Alleanza, e stordisce il Re dei Lich che ritorna dentro il Wrathgate. Successivamente i draghi rossi bruceranno i corpi di coloro uccisi dal flagello, per evitarne il risveglio.

The Wrathgate04:32

The Wrathgate








La caduta del Re dei LichModifica

Dopo la morte di Anub'arak, re dei Nerubian e pericoloso alleato di Arthas, Tirion guida Orda e Alleanza e assalta la cittadella di Icecrown. Dopo aver sconfitto i servitori del Re dei Lich, Tirion si ritrova faccia a faccia con Arthas, davanti al Trono Ghiacciato. Durante lo scontro con Arthas, Tirion riesce a spezzare Frostmourne, e da questa appaiono gli spiriti di tutti coloro che avevano perso l'anima a causa della lama runica, tra cui lo spirito di re Terenas, padre di Arthas. Con Frostmourne distrutta, Arthas cade al suolo e muore. Re Terenas ricorda a Tirion, prima di scomparire, che il trono del Re dei Lich non può restare vuoto. Allora Tirion decide di prendere il posto di Arthas come Re dei Lich, ma viene bloccato da Bolvar Fordragon, che decise di prendere il posto di Re dei Lich.

Fall of the Lich King03:54

Fall of the Lich King






.

Frasi celebriModifica

"Lascia che questa sia la tua prima lezione: Non ho amore nè per te, nè per la tua gente. Al contrario, intendo far sparire l'umanità da questo pianeta, senza fare errori... ed ho il potere di farlo"

"Adesso... Siamo uno solo!"

"Tu parli di giustizia? Di vigliaccheria? Ti mostrerò la giustizia della tomba... e il vero significato della paura"

"Questo è quello che sono: Rabbia, Crudeltà, Vendetta. Stravedo per te, cavaliere della morte, e ti ho concesso l'immortalità in modo da preannunciare una nuova epoca oscura per il Flagello..."

"Il tuo cuore... il suo rumore incessante mi disgusta. Lo farò star zitto, come ho fatto con il mio"

Inoltre su Fandom

Wiki a caso