Fandom

WoWWiki Italia

Grom Hellscream

390pagine in
this wiki
Crea nuova pagina
Discussione0 Condividi

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

WarCraft Raneman021c.jpg
 Grommash significa Cuore del Gigante in lingua orchesca. Grom, un esperto maestro d'armi, era il migliore amico e consigliere di Thrall, e insieme lottarono contro l'entità demoniaca che aveva causato la corruzione del loro popolo, Mannoroth, riuscendo ad ucciderlo, ma al costo della vita dello stesso Grom.

Grom è sepolto ad Ashenvale, in un luogo noto come Demon Fall Canyon (it: Canyon della Caduta del Demone), dove Mannoroth venne sconfitto. Quando un giocatore di World of Warcraft lascia una candela qui durante l'Harvest Festival potrà leggere il The Horde's Hellscream. In memoria di Grom ci sono l'avamposto di Grom'Gol Base Camp nella Stranglethorn Vale così come Grommash Hold, nella città di Orgrimmar. Fuori dal palazzo era esposta l'armatura di Mannoroth, completa del taglio dell'ascia di Grom, con una targhetta commemorativa.

Grom ha anche un figlio, Garrosh Hellscream il quale, dopo essere assurto a Signore della Guerra dell'Orda, ha spostato la Grommash Hold nella Valley of Strenght.


StoriaModifica

L'invasione di AzerothModifica

HeroGromHellscreamWC2.gif

Grom in Warcraft II: Beyond the Dark Portal

 Prima della creazione del Portale Oscuro, Grom Hellscream era il capo incontrastato del clan Warsong, sebbene girassero voci che in realtà avesse usurpato il posto del suo predecessore. Quando Ner'zhul diede inizio allo sterminio dei draenei, Grom e il suo clan invasero la loro città di Shattrath, conquistandola. Al suo clan venne risparmiata la sconfitta nella Seconda Guerra, dato che Gul'dan aveva fatto in modo che rimanessero a Draenor. L'Orda fu sconfitta senza che Grom e i suoi guerrieri neppure fronteggiassero gli umani.

Fu usato con molta efficacia da Nerz'hul in seguito alla fine della guerra, assieme alle forze del clan Bleeding Hollow guidate dall'ogre Kilrogg Deadeye, per recuperare degli artefatti magici ad Azeroth.

Revitalizzazione dell'OrdaModifica

383px-Grom Glowei.jpg

Grom Hellscream che si prepara a sferrare un attacco

Quando il Portale Oscuro venne distrutto, sia Grom che Kilrogg con i rispettivi clan rimasero bloccati ad Azeroth e furono costretti a nascondersi, e il Warsong ci riuscì per 15 anni. Kilrogg venne invece ucciso da Danath Trollbane (secondo altre fonti, invece, Kilrogg sarebbe sopravvissuto fino alla battaglia finale al Portale Oscuro contro Khadgar). Con la maggior parte degli orchi internati in campi di contenimento, Grom Hellscream ed il suo clan erano alcuni dei pochi ancora liberi dopo la Seconda Guerra. Durante il periodo in cui si nascose, Grom venne attanagliato dallo stesso letargo che aveva colpito i suoi simili come conseguenza della sparzione della contaminazione demoniaca, ma a differenza di loro egli riuscì a combatterlo. Quando Thrall, colui che successivamente sarebbe diventato Capo dell'Orda, lo cercò per chiedergli consiglio durante la ricerca del padre, egli rispose che avrebbe dovuto recarsi dal Clan del Lupo dei Ghiacci, dove Thrall venne nominato nuovo capo dell'Orda dal vecchio orco Orgrim Doomhammer. Grom aiutò quindi Thrall a liberare e a riconvertire alle vecchie vie sciamaniche molti clan di orchi che erano ancora segregati dagli umani, diventando molto amico del capo dell'Orda, al punto che quest'ultimo arriverà a definirlo come un "fratello maggiore".

Invasione di KalimdorModifica

Durante la Terza Guerra, Grom intraprese con Thrall il lungo viaggio alla volta di Kalimdor. Una volta arrivati, però, scoprirono che anche gli umani erano sbarcati su Kalimdor; qui Grom, contro il volere di Thrall, ingaggiò una serie di battaglie contro questi ultimi, alla fine delle quali Thrall per punirlo lo mandò a raccogliere legna nella foresta incantata di Ashenvale.

Grom, molto amareggiato per essere stato costretto a svolgere quello che lui considerava un banale lavoro manuale, si mise a tagliare gli alberi in maniera sconsiderata, distruggendo anche alcuni alberi sacri degli elfi della notte ed essi, furiosi per la distruzione di parte della loro foresta, si appellarono al semidio Cenarius e gli chiesero aiuto. Quest'ultimo li guidò in un violento attacco a Grom e alle sue truppe. Per sconfiggere Cenarius, essendo quest'ultimo un semidio, Grom e le sue truppe furono costrette a bere dalla "Fontana di Sangue", un pozzo elfico che era stato avvelenato dal signore delle cripte Mannoroth utilizzando il suo stesso sangue. In questo modo il clan Warsong tornò a essere un clan di orchi del caos. Con la forza derivata da questa nuova condizione, gli orchi Warsong riuscirono ad uccidere Cenarius, ma poco dopo Mannoroth li costrinse a servire la causa della Legione Infuocata, sostenedo che gli orchi del caos erano sempre stati suoi servi. Grom non ebbe altra scelta se non obbedire.

Redenzione e morteModifica

Thrall, con l'aiuto di Cairne Bloodhoof e dei suoi tauren riuscì a catturare Grom, che era impazzito a causa del sangue di Mannoroth, e intrappolò la sua anima in un oggetto magico estremamente potente detto "Gemma dell'Anima". Quindi lo portò dalla maga umana Jaina Proudmoore, la quale riuscì a liberarlo dall'influsso
Grom hellscream and thrall by heewonlee-d35b4mc.jpg

Grom e Thrall contro Mannoroth

demoniaco con un rituale.

Nuovamente sano di mente, Grom raccontò a Thrall cos'era successo, e i due orchi decisero di andare a cercare Mannoroth per porre fine alla sua minaccia una volta per tutte: lo localizzarono nella zona di Ashenvale chiamata Demon Fall Canyon, e li lo ingaggiarono in battaglia. Thrall partì per primo alla carica ma il mastodontico demone lo sbalzò via, stordendolo. Allora Grom prese il posto dell'amico e riuscì a conficcare la sua ascia nell'armatura di Mannoroth, spaccandola e raggiungendo il cuore. Mannoroth, ferito a morte, esplose in un boato di fiamme, che investì in pieno Grom.

Rialzatosi, Thrall si fece strada fra i cocci dell'armatura di Mannoroth, tutto ciò che restava di lui, e trovò il corpo esanime di Grom. Con il suo sacrificio Grom aveva finalmente posto fine alla stretta della legione sugli orchi, e anche quelli che avevano bevuto il sangue di Mannoroth, volenti o nolenti, sentirono la maledizione attenuarsi. Sapendo questo, Grom lasciò il mondo mortale in pace, finalmente redento.

Personalità e aspetto fisicoModifica

Grom Hellscream possiede un fisico più asciutto della maggior parte degli orchi (almeno prima di bere il sangue di Mannoroth), e grazie a ciò si muove con la grazia di un guerriero dai riflessi rapidi e fulminei. È orgoglioso dei suoi successi ma serve volentieri Thrall (o qualsiasi altro maestro), ed è contento del suo ruolo di capo dei Warsong. Grom è onorevole e ammira i suoi nemici quando sono forti in battaglia. È devoto alla sua razza e alle sue tradizioni, ma anche se Thrall ha calmato la sua anima, Grom ribolle ancora di rabbia repressa. Fu proprio il desiderio di sfogare questo sentimento che lo portò a offrirsi volontario come primo membro dell'Orda a bere il sangue demoniaco per ottenere più forza e potere, a scapito della volontà. Ha
Hellscream-640x.jpg

Grom Hellscream nel canyon di Mannoroth intento a combattere contro quest'ultimo

una voce profonda e gutturale, che usa per comandare le sue truppe sul campo.

CombattimentoModifica

In mischia Grom è devastante e lo sa. Si butta sempre nella parte più pericolosa di ogni battaglia, liberando la sua furia e portando distruzione con la sua potente ascia Urloatroce (Gorehowl). Anche se sa che uccide i maghi e i guaritori dei nemici da un vantaggio tattico, non può resistere al faccia a faccia con i potenti guerreri.

MemorialiModifica

Nel Demon Fall Canyon, situato nel sud est di Ashenvale, si trova un monumento in onore a Grom Hellscream, localizzato presumibilmente dove fu ucciso in seguito alla morte di Mannoroth. L'iscrizione dice: «Qui giace Grommash Hellscream, Capo del Clan Warsong

In molti modi, la maledizione della nostra gente nacque e morì con Grom. Il suo nome significava "Cuore del Gigante" nella nostra antica lingua. Si è guadagnato quel nome cento volte quando è rimasto da solo di fronte al demone Mannoroth - e ha conquistato la nostra libertà con il suo sangue.

Lok'Tar Ogar, Grande Fratello. Possa il Canto di Battaglia non svanire mai.

- Thrall, Capo dell'Orda»

Oltre a questo, anche il grande palazzo di Grommash Hold ad Orgrimmar è intitolato a Grom. All'esterno del palazzo, la gigantesca armatura di Mannoroth sta a ricordare il sacrificio di Grom.

Inoltre su Fandom

Wiki a caso